“Medici senza futuro?”