12 luglio, Santi Nábore e Felice

Erano due soldati di origine nordafricana, arrivati a Milano nel IV secolo per servire nell’esercito di Massimiano. Divennero cristiani e, a Lodi Vecchio (Laus Pompeia), furono giustiziati per aver disertato. Si trattava in realtà di un’«epurazione» dei cristiani dai ranghi militari. I corpi furono portati nella basilica milanese detta «naboriana». Il loro culto pian piano decadde, e con esso la chiesa, fino a che nel XIII secolo i francescani non ravvivarono tutt’e due. Nel 1799 i martiri furono traslati nella basilica di Sant’Ambrogio.