22 aprile 2021 – Emergenza Covid nel mondo: il lavoro di MSF

Quando scoppia un’emergenza MSF deve agire in tempo. Nelle zone di guerra quando gli ospedali non sono in grado di funzionare perché distrutti o sovraffollati, MSF cerca di colmare queste lacune con medici, infermieri e logisti di grande esperienza. Allestiscono sale operatorie, cliniche, servizi di potabilizzazione dell’acqua, programmi nutrizionali e vaccinali, assistenza psicologica. Poi ci sono le epidemie, malattie come il Covid ma anche il morbillo, malaria, meningite, febbre gialla che uccidono ogni anno milioni di persone. I team di MSF curano i malati ed effettuano campagne di vaccinazione di massa.

La prima fase della campagna vaccinale mondiale ha escluso di fatto la maggior parte dei paesi a medio e basso reddito: il 75% dei vaccini è stato somministrato in soli 10 paesi del mondo, mentre molti paesi non hanno ricevuto una sola dose. Con la sospensione dei brevetti e degli altri diritti di proprietà intellettuale, molti paesi del mondo, con competenze e tecnologia per produrre localmente vaccini contro il Covid, potrebbero aumentare la produzione e rendere così più rapida la loro somministrazione. L’accessibilità universale al vaccino contro il Covid non è solo una questione di equità ma è una questione di salute pubblica e la precondizione necessaria. Siamo Noi, programma pomeridiano di Tv2000 in diretta alle 15:20, racconta il lavoro di Medici Senza Frontiere. Ospiti: Annalaura Anselmi, direttrice della Raccolta Fondi di MSF; Elda Baggio, vicepresidente di MSF; Roberto Scaini, medico e operatore umanitario di MSF.