Congo, punti oscuri sull’agguato. Arcivescovo Kinshasa: “Mondo non può più tacere”

Ci sono ancora molti punti oscuri sull’agguato mortale all’ambasciatore e al carabiniere italiani nella Repubblica democratica del Congo. Le forze di liberazione del Ruanda smentiscono il loro coinvolgimento e accusano, a loro volta, l’esercito congolese e ruandese. Giornata di lutto in Italia. E la Procura di Roma apre un’inchiesta. Ai microfoni del Tg2000 parla l’arcivescovo di Kinshasa il card. Fridolin Ambongo Besungo: “Il mondo non può più tacere di fronte a queste tragedie umane”. Servizio di Massimiliano Cochi.