Consultazioni, è stallo. Mattarella pronto a prendere in mano la situazione

L’ultimatum ai partiti è lanciato. Dopo aver constatato con crescente insoddisfazione come “il confronto tra i partiti non abbia fatto progressi, il presidente Mattarella chiude il secondo giorno di consultazioni e annuncia il desiderio di prendersi qualche giorno per riflettere e uscire così dallo stallo. Servizio di Augusto Cantelmi