Lunedì-sabato: 8.30, 12, 14.55, 18.30 e 20.30. Domenica: 18.30 e 20.30

“Speriamo di vedere il giudice Livatino santo”. Lo ha detto la presidente della Commissione parlamentare Antimafia, Rosy Bindi, in un’intervista al Tg2000, il telegiornale di Tv2000, a margine dell’udienza di stamane concessa alla Commissione da Papa Francesco in Vaticano in occasione dell’anniversario della morte di Rosario Livatino ucciso dalla mafia il 21 settembre 1990.
“Livatino – ha aggiunto la Bindi – era un vero magistrato e un uomo di fede. Le sue parole sulla funzione del magistrato e sul rapporto tra diritto e fede cristiana sono un capolavoro e un manifesto che ci indica la strada con la quale un laico cristiano può davvero conciliare il Vangelo con la sua professione”.
La Bindi ha inoltre raccontato dell’incontro con Papa Francesco: “E’ stata una grande emozione soprattutto per l’accoglienza che ci ha riservato. E’ stato molto forte ed emozionante il contenuto delle parole che il Papa ci ha rivolto: è un vero programma di lotta alla mafia, non solo per la Commissione parlamentare ma per l’intero Paese e l’Europa. Ringraziamo di cuore il Santo Padre”.
“Le parole del Papa sulla corruzione – ha concluso la Bindi – sono state ancora una volta molto forti, ferme e chiare. Ci ha invitati a combattere la corruzione con le stesse armi con cui combattiamo la mafia. Oggi il metodo mafioso è infatti intimidatorio e usa la corruzione per convincere, piegare le coscienze, gli interessi economici, quelli della politica e delle classi dirigenti”. Servizio di Augusto Cantelmi

21 Settembre 2017