Pensioni: boom di domande all’Inps. Cosa accadrà ora? L’intervista a Patrizia Volponi (Cisl)

Sono oltre sessantaseimila e quindi circa seimila in piu’ rispetto al tetto stabilito, le richieste di pensione anticipata giunte all’Inps. All’istituto di previdenza il compito di valutarle e quindi di escludere quelle in eccedenza. La cosidetta Ape social. Lo ha reso noto oggi l’Inps che ha comunicato i dati definitivi aggiornati al 15 luglio scorso. Dalle cifre emerge anche il superamento del tetto massimo di richieste e circa sei-mila lavoratori potrebbero non usufruire di questa opportunità. Abbiamo provato a fare chiarezza con l’intervista a Patrizia Volponi, Segretaria Nazionale Pensioni-Cisl
Servizio di Massimiliano Niccoli