“Putin non è pazzo, ma ubriaco di potere”, il commento dell’ambasciatore Armando Sanguini

“Non è pazzo, ma ubriaco di potere”. Questo sarebbe Vladimir Putin secondo l’ambasciatore Armando Sanguini, convinto che sarebbe ancora possibile raggiungere un compromesso ragionevole per fermare la guerra.