La “Woodstock dei libri”