Mercato libero: sono pronti i consumatori?