Pernigotti addio, ma il marchio resta