Mario Ferrandi

Nato a Milano nel ’55, studente di Filosofia, entra nella lotta armata e, nel 1977, uccide il poliziotto Antonio Custra. Ci racconta di come, per una ideologia, si possa cedere alla tentazione di trasformare le persone in mezzi