Padre Jihad Youssef e l’Imam Sami Salem. Amicizia e Guerra

Con noi Padre Jihad Youssef e l’Imam Sami Salem. La storia dell’incredibile amicizia fra padre Jihad e lo Sceicco. “Crediamo lo stesso Dio, che parla a me e parla a lui, che chiama me e chiama lui”.
L’Imam Sami Salem “Io come musulmano credo a tutti i profeti, compreso Gesù”
“Ma l’ISIS non è l’unico nemico. Domandiamoci da dove vengono le armi, perché quando vendono il petrolio nessuno li bombarda? L’ISIS è il nemico, ma non l’unico. Bisogna spegnere il fuoco da dove parte, sopratutto se parte da noi. La Francia bombarda perché non per i fatti di Parigi, ma perché c’è il gas.
E quindi cosa deve fare il cristiano? Convertirsi.
Noi cristiani abbiamo giustificato tanta violenza nella nostra storia, guerre e schiavitù: dobbiamo convertirci.
Ma la non violenza non è fare i ‘bravini’. È fare qualcosa nel concreto. La cosa fondamentale è che il nemico non abbia il mio odio”.
“Il terrorismo islamico nasce anche dall’ignoranza dell’Islam.” Conclude l’Imam Sami Salem