Libri: “Vittime e carnefici nel nome di “Dio”” di Giulio Albanese

cineGuerre, dittature, persecuzioni, migrazioni. La religione usata come strumento di odio e divisione nelle periferie del mondo. Contro la “globalizzazione dell’indifferenza”, le parole di un sacerdote e missionario che racconta in presa diretta dai luoghi del conflitto.
Padre Giulio Albanese ha vissuto per diversi anni in Africa. Di fronte agli abomini perpetrati nelle zone “calde” del pianeta, e alla testimonianza dei martiri del nostro tempo e delle loro comunità, ha sentito l’urgenza di scrivere questo libro, che denuncia come la fede possa essere distorta a fini ideologici, politici ed economici, per ottenere i quali si uccide, a si creano le condizioni per farlo, nel nome di un dio minuscolo, feticcio d’interessi faziosi.