Bruxelles, Cicchitto: “Buchi rilevanti in attività preventiva Belgio”

Il presidente della commissione Esteri della Camera al Tg2000: “Ok prevenzione Italia ma con kamikaze non c’è sicurezza che tenga”

Alfano, governo Renzi? Rifletteremo, nulla scontatoRoma, 22 marzo 2016 – “E’ evidente che in Belgio l’attività preventiva ha avuto dei buchi molto rilevanti”. Lo ha detto il presidente della commissione Esteri della Camera, Fabrizio Cicchitto, in un’intervista al Tg2000, il telegiornale di Tv2000 commentando gli attentati di Bruxelles.
“La prima avvertenza che ogni governo deve seguire – ha aggiunto Cicchitto – è quella di concentrare la propria azione da un lato sul terreno preventivo, cosa che in Italia stiamo facendo, e dall’altro stare molto attenti che non si creino zone franche nelle quali magari per un’omogeneità di tendenze religiose, come avviene in alcuni quartieri di Bruxelles, la Polizia non entra determinando luoghi in cui tutto è possibile”.
“Credo che ci sia stata una regia – ha sottolineato Cicchitto – per cui in Belgio si sono concentrati i terroristi che sono andati a commettere gli attentati di Parigi per poi colpire il Paese nel quale si erano insediati e dove si sono mossi con una libertà di manovra che il Belgio sta pagando”.
“L’Italia – ha concluso Cicchitto – ha fatto tutto il possibile per un’azione preventiva, in modo marcato verso la Città del Vaticano, avendo alle spalle l’esperienza drammatica del terrorismo e della mafia stragista che altri Paesi non hanno avuto. Questa azione preventiva l’abbiamo fatto ma di fronte ai kamikaze non c’è sicurezza che tenga”.

Ecco il video dell’intervista a Cicchitto:

https://www.youtube.com/watch?v=QingeSlSvnc

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0