Bruxelles, Dambruoso: “Travel warning Usa misura grave. Ue non è Maghreb”

Il questore della Camera al Tg2000: “Con scheggia impazzita aumentano rischi”

Increeased security following Brussels attacksRoma, 23 marzo 2016 – La misura del Dipartimento di Stato americano del ’travel warning’, cioè l’invito ai cittadini americani a non viaggiare verso e attraverso l’Europa “la vivo con preoccupazione perché la trovo una misura grave che non può essere misurata paragonando l’Europa ai paesi del Maghreb o a quei paesi dove c’è un rischio terrorismo quotidiano per le strade”. Lo ha detto il questore della Camera e deputato di Scelta civica, Stefano Dambruoso, in un’intervista al Tg2000, il telegiornale di Tv2000 commentando gli attentati di Bruxelles. Dambruoso, magistrato dell’Antimafia, ha svolto numerose indagini sul crimine organizzato e il terrorismo islamico.

“Su eventuali attacchi strutturati – ha aggiunto Dambruoso – sono state prese tutte le misure possibili, da quel punto possiamo stare tranquilli. Di fronte ad un attacco di un singolo, una scheggia impazzita, che porta a termine un’operazione senza programmazione è chiaro che aumentano i rischi”.
“La prevenzione – ha concluso Dambruoso – deve essere portata a termine non con il carcere perché non si possono mettere in detenzione persone che non hanno commesso reati ma i soggetti pericolosi possono essere espulsi. Questo lo stiamo facendo da tempo con moderazione, saggezza ma anche con fermezza”.