Today, lunedì 13 novembre alle 22.45 su Tv2000: Andrea Sarubbi e i suoi ospiti parlano della minaccia nucleare alla luce di quanto accade tra Corea del Nord e Usa

La Corea del nord minaccia, gli Stati Uniti rispondono, il Papa tenta di mediare. Dopo decenni di una guerra fredda che sembrava ormai risolta, lo spettro di un’escalation nucleare sembra oggi tornare all’orizzonte, con rischi enormi non solo per le potenze in lotta ma per l’intero pianeta. Ecco allora l’invito di Francesco a undici premi Nobel per la pace, a rappresentanti dell’Onu, della Nato e degli Stati coinvolti nella crisi coreana: due giorni di confronto in Vaticano per un Simposio internazionale sul disarmo nucleare e sul controllo degli armamenti. Al di là delle dichiarazioni ufficiali, la stessa Italia ha ancora molto da chiarire in merito. Pur non essendo una potenza nucleare, infatti, il nostro Paese ospita due arsenali e detiene il più alto numero di testate atomiche statunitensi d’Europa: 70 ordigni su un totale di 180. Nonostante le inchieste giornalistiche e parlamentari, però, nessuno ha ancora fatto pienamente luce sul tema. È questo l’argomento di Today, l’approfondimento di Tv2000 dedicato all’attualità internazionale, in onda lunedì 13 novembre alle 22.45. Il reportage di Vito D’Ettorre ci porterà nella base dell’aeronautica italiana di Ghedi, in provincia di Brescia: i dati sul suo arsenale sono coperti dal segreto militare e la popolazione, che chiede trasparenza, si batte da decenni per la messa al bando degli armamenti atomici nel nostro Paese. È un momento cruciale: non a caso, il Nobel per la Pace di quest’anno è stato assegnato all’ICAN, la Campagna Internazionale per la messa al bando delle armi nucleari, di cui fa parte anche l’organizzazione italiana Rete Disarmo. Lisa Clark, referente dell’associazione, analizza in studio con Andrea Sarubbi lo scenario globale e la poco conosciuta realtà italiana. La puntata sarà introdotta dalla copertina di Ada Nardacchione, e verrà chiusa con un’opera d’arte scelta dalla redazione: “Due bambini nella notte nucleare” di Enrico Baj, una tela in cui emerge l’angoscia per la guerra atomica durante il periodo della Guerra Fredda.