Teatro, Marco Paolini a Tv2000: “Prima del big bang c’erano le parole” L’attore è ospite del programma ‘Retroscena’, in onda il 14 novembre alle 22.45

“Non faccio fatica a sentire la potenza delle cose che trasformo in narrazione. Sono convinto che prima del ‘big bang’ c’ erano le parole”. Lo ha detto il narratore teatrale Marco Paolini in un’intervista a ‘Retroscena’, il programma sul teatro di Tv2000, condotto da Michele Sciancalepore, in onda martedì 14 novembre alle 22.45, palando del suo lavoro e delle sue opere narrate. “Se non proviamo a narrare – ha aggiunto Paolini – non capiamo. C’è da capire tutto, non solo il passato, ma il futuro. Viviamo tante cose che non riusciamo più a descrivere. Richard Feynman, il Premio Nobel per la fisica del 1965, diceva: ‘Ciò che non riesco a rifare non lo posso capire’. Parafrasando lui dico: quello che non riesco a spiegare con le parole non lo posso capire”. L’attore è reduce da ‘Universo Assisi’, il festival sui ‘posti segreti’ che si è svolto nella nel Bosco di san Francesco, simbolo dell’armonia tra uomo e natura. Paolini, nel corso del festival, ha introdotto ogni spettacolo con una sua performance e ha portato il suo nuovo spettacolo-canzone ispirato all’epica. L’ artista veneto ha raccontato e cantato, accompagnato da Lorenzo Monguzzi ex Mercanti di Liquore, le gesta e le peripezie di Ulisse. “La gens di Ulisse – ha concluso Paolini – sembra condannata a non avere futuro e terra. Io non posso dimenticare che noi siamo la stirpe di Enea. È il vinto, lo sconfitto che fugge dalla guerra che ha distrutto la sua Troia che ha generato la nostra stirpe. In ogni barca di mendicanti senti arrivare lunga e potente l’onda di Odissea. Lo so, siamo in troppi, anche per la ‘limosina’, ma nemmeno la morte di Ulisse può fermare il flusso”.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0