Novena 2.0, 21 dicembre 2020

Il sesto giorno della nostra novena è dedicato alla ninna nanna. La prima, è una delicatissima ninna nanna siciliana che invita il Bambinello a “ballare” perché ovunque posi il suo piede possa nascere “…’na rama di basilicò”

La seconda, raccolta da Sant’Alfonso Maria de Liguori, è una canzoncina spirituale in dialetto napoletano che i nostri “sunaturi” hanno eseguito davanti alla cappella votiva che si trova dentro i foyer del nostro teatro.

Le parole di Francesco Lanza ci introducono in questa atmosfera

Un’aria di natività, di principio e d’infanzia terrestre è nelle cose. Non per niente sotto fronde di sparagio e bioccoli di lana. Il Bambino rinasce, letificando il mondo gelido, come nella notte pastorale.

Il cuore si riapre a certe speranze, e staccandosi dal fiume del tempo si volge al futuro come a un viaggio migliore.

Viene suonno da lo Cielo
vien’ e adduorme stu Nennillo
pe pietà ca è piccirillo
viene suonno e non tardà

Gioia bella de sto core
vurria suonno addeventare
doce doce pe te fare
ss’uocchie bell’ addormentà

Ma si tu p’ essere amato
te si fatto bammeniello
sulo amore è o sonnariello
che dormire te po fa

Ment’è chesto può fa nonna
pe te st’arma è arza e bona
t’amo t’amo e sta canzona
già t’ha fatto addobeà

Novena 2.0 è un progetto del Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla con Mario Incudine e Antonio Vasta, con il patrocinio dell’Assessorato regionale Turismo e Spettacolo della Regione Siciliana. Media partner Tv2000