Novena 2.0, 23 dicembre 2020

È la voce di Vann’Antò, poeta di Ragusa, a raccontarci del presepe siciliano, così povero e così luminoso. La sua invocazione di pace, al suono delle “ciaramedde” ci svela la figura del “ciaramiddaro” al quale è dedicata la giornata di oggi. Di lui racconta questa delicata ballata per voce e fisarmonica.

Cu st’antica ciaramedda

amurusa cumpagnia;

vinni a fari la nuvena

lu pasturi di muntagna.

Binidittu lu pasturi

chi mi canta a lu Signuri.

Ciaramiddaru ciaramiddaru

fa na sunata sutta st’artaru

chi lu signuri quannu nasciu

tutti li cosi binidiciu

e falla bedda sta ninnaredda

la ciaramendda sona accussi

La profezia si è avverata. Dio Bambino oggi è nato tra le braccia di Maria e in questa notte magica non si può fare altro che cantare “ con grancasse, chitarrine, ciaramelle e violini”.

Novena 2.0 è un progetto del Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla con Mario Incudine e Antonio Vasta, con il patrocinio dell’Assessorato regionale Turismo e Spettacolo della Regione Siciliana. Media partner Tv2000