Terzo giorno
LA PRIMA MESSA DI UN PAPA IN MYANMAR

Alle tre, ora italiana, il Papa ha celebrato la prima messa al Kaba Aye Centre di Yangon: “Prima di venire in questo Paese, ho atteso a lungo questo momento. Molti di voi sono giunti da lontano e da remote aree montagnose, alcuni anche a piedi. Sono venuto come pellegrino per ascoltare e imparare da voi, e per offrirvi alcune parole di speranza e consolazione”. A seguire papa Francesco ha incontrato il Consiglio Supremo “Sangha” dei Monaci buddisti dove ha rinnovato i legami di amicizia e rispetto tra buddisti e cattolici e ha invitato ad una maggiore cooperazione tra leader religiosi. A conclusione della giornata il papa ha incontrato i Vescovi del Myanmar.

 

 

Santa Messa

Papa: la Chiesa in questo Paese sta aiutando un gran numero di uomini, donne e bambini, senza distinzioni di religione o di provenienza etnica. Posso testimoniare che la Chiesa qui è viva, che Cristo è vivo ed è qui con voi e con i vostri fratelli e sorelle delle altre Comunità cristiane. Vi incoraggio a continuare a condividere con gli altri la sapienza inestimabile che avete ricevuto, l’amore di Dio che sgorga dal cuore di Gesù.

 

 

Incontro con il Consiglio Supremo “Sangha” dei Monaci buddisti

Papa: Il nostro incontro è un’importante occasione per rinnovare e rafforzare i legami di amicizia e rispetto tra buddisti e cattolici. E’ anche un’opportunità per affermare il nostro impegno per la pace, il rispetto della dignità umana e la giustizia per ogni uomo e donna. Non solo in Myanmar, ma in tutto il mondo le persone hanno bisogno di questa comune testimonianza da parte dei leader religiosi. Perché, quando noi parliamo con una sola voce affermando i valori perenni della giustizia, della pace e della dignità fondamentale di ogni essere umano, noi offriamo una parola di speranza. Aiutiamo i buddisti, i cattolici e tutte le persone a lottare per una maggiore armonia nelle loro comunità.

 

 

Incontro con i Vescovi del Myanmar

Papa: Prego affinché i vostri continui sforzi a costruire ponti di dialogo e ad unirvi ai seguaci di altre religioni nel tessere relazioni di pace producano frutti abbondanti per la riconciliazione nella vita del Paese”.

 

 

A conclusione della terza giornata di visita del papa in Myanmar, Nicola Ferrante ne ha ripercorso i momenti più significati, insieme agli ospiti in studio: Alessandra Colarizi sinologa e giornalista, Anna Maria Abbona Coverlizza Pronipote di P. Paolo Abbona, Suor Maria Amu Missionaria della fede – Myanmar, Salvatore Cernuzio, Giornalista Vatican Insider.

 

 

La fotogallery della puntata