Quarto giorno
IL PAPA ARRIVA IN BANGLADESH

Come ultima tappa del viaggio in Myanmar, il Papa ha incontrato i giovani nella Cattedrale di St. Mary’s a Yangon. Nell’Omelia ha invitato i partecipanti ad essere “coraggiosi, generosi e, soprattutto, gioiosi!”. La sua omelia.
Poi Papa Francesco è arrivato in Bangladesh dov’è stato accolto dal Presidente della Repubblica del Bangladesh Abdul Hamid. Nel Palazzo Presidenziale di Dhaka il papa ha tenuto il primo discorso all’Autorità, alla Società civile e al Corpo Diplomatico.

 

 

 

Santa Messa con i giovani – Yangon

Papa: Cari giovani del Myanmar, dopo aver sentito le vostre voci e avervi ascoltato oggi cantare, vorrei applicare queste parole a voi. Sì, sono belli i vostri passi, ed è bello e incoraggiante vedervi, perché ci recate «un lieto annuncio di bene», il lieto annuncio della vostra gioventù, della vostra fede e del vostro entusiasmo. Certo, voi siete un lieto annuncio, perché siete segni concreti della fede della Chiesa in Gesù Cristo, che reca a noi una gioia e una speranza che non avranno mai fine.

 

 

Incontro con le Autorità, con la Società civile e con il Corpo Diplomatico

Papa: Nel mondo di oggi, nessuna singola comunità, nazione o Stato, può sopravvivere e progredire nell’isolamento. In quanto membri dell’unica famiglia umana, abbiamo bisogno l’uno dell’altro e siamo dipendenti l’uno dall’altro.

 

 

Il racconto della quarta giornata di viaggio del papa in Asia è affidato a Nicola Ferrante con gli ospiti in studio: Padre Bernardo Cervellera, Direttore AsiaNews, Mattia Prayer Galletti Dirigente IFAD, Alessandro Mossini Associazione Il filo di Juta, Fabio Polese Giornalista e reporter freelance.

 

 

 

La fotogallery della puntata