ERO FORESTIERO
14/12/2017

Il Centro Astalli è storicamente il cuore del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati, che da oltre trent’anni, è impegnato in numerose attività e servizi a favore dei rifugiati. La mensa è il primo approdo per molti rifugiati che arrivano a Roma. Padre Camillo Ripamonti, Presidente Centro Astalli, è un riferimento per molti di loro. Con lui abbiamo incontrato Melanny Hernandez (Venezuela), Aweis Ahmed (capitano della squadra nazionale giovanile di calcio della Somalia) e Franck Tayodjo (Camerun) che hanno condiviso le loro storie con noi. In puntata abbiamo ripreso alcuni passaggi dal videomessaggio del Papa per il 35° anniversario della fondazione del Centro Astalli e l’Omelia di Santa Marta di oggi sulla tenerezza di Dio.

 
IN EVIDENZA

Voglia di tenerezza La storia di Franck

 

 

VIDEOMESSAGGIO DEL SANTO PADRE PER IL 35° ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DEL CENTRO ASTALLI PER I RIFUGIATI 19.04.2016

Ero forestiero…

Papa: Ero forestiero… Ognuno di voi, rifugiati che bussate alle nostre porte ha il volto di Dio, è carne di Cristo. La vostra esperienza di dolore e di speranza ci ricorda che siamo tutti stranieri e pellegrini su questa Terra, accolti da qualcuno con generosità e senza alcun merito. Chi come voi è fuggito dalla propria terra a causa dell’oppressione, della guerra, di una natura sfigurata dall’inquinamento e dalla desertificazione, o dell’ingiusta distribuzione delle risorse del pianeta, è un fratello con cui dividere il pane, la casa, la vita.

 

E mi avete accolto

Ero forestiero e mi avete accolto. Sì, il Centro Astalli è esempio concreto e quotidiano di questa accoglienza nata dalla visione profetica del padre Pedro Arrupe. E’ stato il suo canto del cigno, in un centro di rifugiati in Asia. Grazie a voi tutti, donne e uomini, laici e religiosi, operatori e volontari, perché mostrate nei fatti che se si cammina insieme la strada fa meno paura.

 

SANTA MARTA

La tenerezza di dio

Papa: Io sono capace di parlare con il Signore così o ho paura? Ognuno risponda. Ma qualcuno può dire, può domandare: “Ma qual è il luogo teologico della  tenerezza di Dio? Dove si può trovare bene la  tenerezza di Dio? Qual è il posto dove si manifesta meglio la tenerezza di Dio?”-“La piaga”. Le mie piaghe, le tue piaghe, quando si incontra la mia piaga con la sua piaga. Nelle loro piaghe siamo stati guariti.

 

 

ALTRI INCONTRI DI OGGI

A un gruppo di nuovi Ambasciatori, in occasione della presentazione delle Lettere Credenziali

 

La fotogallery della puntata