GAUDETE ET EXSULTATE
Santi oggi 09/04/2018

In occasione dell’uscita dell’ultima Esortazione Apostolica di papa Francesco dal titolo “Gaudete et Exsultate”, il documento che invita a seguire i modelli di santità che ognuno può raggiungere, nella vita di ogni giorno nel mondo contemporaneo, abbiamo incontrato Gianni Valente, Vatican Insider, e Paola Bignardi, pedagogista, già Presidente Nazionale dell’Azione Cattolica Italiana, scelti dal Papa per presentare il nuovo documento.

L’Esortazione è suddivisa in cinque parti: La chiamata alla santità. Due sottili nemici della santità. Alla luce del maestro. Alcune caratteristiche della santità nel mondo attuale e Combattimento. Vigilanza e discernimento ed elaborata.

Abbiamo così riascoltato le parole del Papa pronunciati al Cimitero del Verano per la Solennità di Tutti i Santi del 1.11.2015, e nell’Udienza Generale del 19.11.2014 in cui Francesco ha indicato la Santità come via per essere felici, e poi le qualità e le capacità per essere santi di oggi.

In conclusione puntata abbiamo ascoltato l’Appello per la Siria di Papa Francesco nel Regina Coeli di ieri.

 

IN EVIDENZA

Valente: Le vie della Santità Bignardi: Santi dunque felici

 

CELEBRAZIONE DELLA SANTA MESSA AL CIMITERO DEL VERANO 01.11.2015

Santità, la via della felicità

Papa: Cari fratelli e sorelle, questa è la via della santità, ed è la stessa via della felicità. E’ la via che ha percorso Gesù, anzi, è Lui stesso questa Via: chi cammina con Lui e passa attraverso di Lui entra nella vita, nella vita eterna. Chiediamo al Signore la grazia di essere persone semplici e umili, la grazia di saper piangere, la grazia di essere miti, la grazia di lavorare per la giustizia e la pace, e soprattutto la grazia di lasciarci perdonare da Dio per diventare strumenti della sua misericordia.

Così hanno fatto i Santi, che ci hanno preceduto nella patria celeste.

 

UDIENZA GENERALE 19.11.2014

La santità è un dono

Papa: in che cosa consiste questa vocazione universale ad essere santi? E come possiamo realizzarla? Innanzitutto dobbiamo avere ben presente che la santità non è qualcosa che ci procuriamo noi, che otteniamo noi con le nostre qualità e le nostre capacità. La santità è un dono, è il dono che ci fa il Signore Gesù, quando ci prende con sé e ci riveste di se stesso, ci rende come Lui…

la santità è un dono che viene offerto a tutti, nessuno escluso, per cui costituisce il carattere distintivo di ogni cristiano.

Tutto questo ci fa comprendere che, per essere santi, non bisogna per forza essere vescovi, preti o religiosi: no, tutti siamo chiamati a diventare santi!

 

Sempre in ogni posto si può diventare santo

Papa: Ma tu sei consacrato, sei consacrata? Sii santo vivendo con gioia la tua donazione e il tuo ministero. Sei sposato? Sii santo amando e prendendoti cura di tuo marito o di tua moglie, come Cristo ha fatto con la Chiesa. Sei un battezzato non sposato? Sii santo compiendo con onestà e competenza il tuo lavoro e offrendo del tempo al servizio dei fratelli. “Ma, padre, io lavoro in una fabbrica; io lavoro come ragioniere, sempre con i numeri, ma lì non si può essere santo…” – “Sì, si può! Lì dove tu lavori tu puoi diventare santo. Dio ti dà la grazia di diventare santo. Dio si comunica a te”. Sempre in ogni posto si può diventare santo, cioè ci si può aprire a questa grazia che ci lavora dentro e ci porta alla santità. Sei genitore o nonno? Sii santo insegnando con passione ai figli o ai nipoti a conoscere e a seguire Gesù.

 

REGINA COELI del 8.04.2018

Appello per la Siria

Papa: Giungono dalla Siria notizie terribili di bombardamenti con decine di vittime, di cui molte sono donne e bambini. Notizie di tante persone colpite dagli effetti di sostanze chimiche contenute nelle bombe. Preghiamo per tutti i defunti, per i feriti, per le famiglie che soffrono. Non c’è una guerra buona e una cattiva, e niente, niente può giustificare l’uso di tali strumenti di sterminio contro persone e popolazioni inermi. Preghiamo perché i responsabili politici e militari scelgano l’altra via, quella del negoziato, la sola che può portare a una pace che non sia quella della morte e della distruzione.

 

NEL WEEKEND

 

8.04.2018

II Domenica di Pasqua o della Divina Misericordia

7.04.2018

All’Associazione dei Preti del Prado

Alla Communauté de l’Emmanuel

Ai ragazzi della Diocesi di Brescia

 

La fotogallery della puntata