In attesa della visita del Papa a Loreto

13 marzo 2019

Gennaro Ferrara, insieme a Padre Franco Carollo, nuovo rettore della Pontificia Basilica della Santa Casa di Loreto, anticipa la visita che Papa Francesco compierà lunedì 25 Marzo al Santuario marchigiano. Il Santuario, come luogo di preghiera e la pietà popolare, al centro delle riflessioni in studio.

IN EVIDENZA

Padre Franco Carollo: “In familiarità con Maria”

Padre Franco Carollo: “La libertà interiore di Francesco”

PAPA FRANCESCO A LORETO 

Papa Francesco: “Quanto abbiamo bisogno dei Santuari nel cammino quotidiano che la Chiesa compie!”

“Quanto abbiamo bisogno dei Santuari nel cammino quotidiano che la Chiesa compie! Sono il luogo dove il nostro popolo più volentieri si raccoglie per esprimere la propria fede nella semplicità, e secondo le varie tradizioni che sono state apprese fin dall’infanzia. Il Santuario è soprattutto – seconda cosa – luogo di preghiera. La maggior parte dei nostri Santuari è dedicata alla pietà mariana. Qui la Vergine Maria spalanca le braccia del suo amore materno per ascoltare la preghiera di ognuno ed esaudirla. I sentimenti che ogni pellegrino sente nel più profondo del cuore sono quelli che riscontra anche nella Madre di Dio.”

UDIENZA OPERATORI SANTUARI

Papa: “Santuario luogo privilegiato per sperimentare la misericordia che non conosce confini”

“I Santuari sono chiamati ad alimentare la preghiera del singolo pellegrino nel silenzio del suo cuore. Con le parole del cuore, con il silenzio, con le sue formule imparate a memoria da bambino, con i suoi gesti di pietà…, ognuno deve poter essere aiutato ad esprimere la sua preghiera personale. Nessuno nei nostri Santuari dovrebbe sentirsi un estraneo, soprattutto quando vi giunge con il peso del proprio peccato. E qui vorrei fare l’ultima considerazione: il Santuario è luogo privilegiato per sperimentare la misericordia che non conosce confini. Questo è uno dei motivi che mi ha spinto a volere la “Porta della misericordia” anche nei Santuari durante il Giubileo Straordinario. Infatti, la misericordia, quando è vissuta, diventa una forma di evangelizzazione reale, perché trasforma quanti ricevono misericordia in testimoni di misericordia.”

UDIENZA OPERATORI SANTUARI

Papa Francesco: “Pietà popolare tesoro che va apprezzato e custodito”

“Vorrei dire qualcosa sulla pietà popolare, molto diffusa in queste terre. Un Vescovo mi diceva che nella sua diocesi non so quante confraternite ci sono e mi diceva: “Io vado sempre da loro, non li lascio da soli, li accompagno”. È un tesoro che va apprezzato e custodito, perché ha in sé una forza evangelizzatrice (cfr Evangelii gaudium, 122-126), ma sempre il protagonista deve essere lo Spirito Santo. vorrei dire qualcosa sulla pietà popolare, molto diffusa in queste terre. Un Vescovo mi diceva che nella sua diocesi non so quante confraternite ci sono e mi diceva: “Io vado sempre da loro, non li lascio da soli, li accompagno”. È un tesoro che va apprezzato e custodito, perché ha in sé una forza evangelizzatrice (cfr Evangelii gaudium, 122-126), ma sempre il protagonista deve essere lo Spirito Santo.”