“Dacci il nostro pane quotidiano”, padre Alex Zanotelli

27 marzo 2019

Puntata dedicata all’Udienza Generale del mercoledì in Piazza San Pietro.
Proseguendo il ciclo di catechesi sulla preghiera del Padre Nostro, questa mattina Papa Francesco ha spiegato il significato della frase: “Dacci il nostro pane quotidiano”.
In studio Gennaro Ferrara ripropone l’ascolto dell’udienza confrontandosi con Padre Alex Zanotelli, missionario comboniano dalla lunga esperienza in Africa, che ha pubblicato da poco “Acqua diritto alla vita” (EMI) un bene comune che appartiene a tutti gli abitanti della Terra, troppe volte fonte di ineguaglianze fra uomini e donne.

UDIENZA GENERALE

Dacci il nostro pane quotidiano

Papa: Gesù ci insegna a chiedere al Padre il pane quotidiano. E ci insegna a farlo uniti a tanti uomini e donne per i quali questa preghiera è un grido – spesso tenuto dentro – che accompagna l’ansia di ogni giorno. Quante madri e quanti padri, ancora oggi, vanno a dormire col tormento di non avere l’indomani pane a sufficienza per i propri figli! Immaginiamo questa preghiera recitata non nella sicurezza di un comodo appartamento, ma nella precarietà di una stanza in cui ci si adatta, dove manca il necessario per vivere. Le parole di Gesù assumono una forza nuova. L’orazione cristiana comincia da questo livello. Non è un esercizio per asceti; parte dalla realtà, dal cuore e dalla carne di persone che vivono nel bisogno, o che condividono la condizione di chi non ha il necessario per vivere. Nemmeno i più alti mistici cristiani possono prescindere dalla semplicità di questa domanda. “Padre, fa’ che per noi e per tutti, oggi ci sia il pane necessario”. E “pane” sta anche per acqua, medicine, casa, lavoro… Chiedere il necessario per vivere.

Papa: Il pane che il cristiano chiede nella preghiera non è il “mio” ma è il “nostro” pane. Così vuole Gesù. Ci insegna a chiederlo non solo per sé stessi, ma per l’intera fraternità del mondo. Se non si prega in questo modo, il “Padre nostro” cessa di essere una orazione cristiana. Se Dio è nostro Padre, come possiamo presentarci a Lui senza prenderci per mano? Tutti noi. E se il pane che Lui ci dà ce lo rubiamo tra di noi, come possiamo dirci suoi figli? ….
E adesso ci farà bene fermarci un po’ e pensare ai bambini affamati. Pensiamo ai bambini che sono in Paesi in guerra: i bambini affamati dello Yemen, i bambini affamati nella Siria, i bambini affamati in tanti Paesi dove non c’è il pane, nel Sud Sudan. Pesiamo a questi bambini e pensando a loro diciamo insieme, a voce alta, la preghiera: “Padre, dacci oggi il pane quotidiano”. Tutti insieme.

IN EVIDENZA

Padre Alex Zanotelli: “Sei vivo solo se … ”

Padre Alex Zanotelli: “Dio è relazione”

Il diario di Papa Francesco