Il diario di Papa Francesco: Mons Semeraro, Nuovi Orizzonti, padre James Martin, Amazzonia

23 - 27 settembre ore 17.30

Papa Francesco

LUNEDI’ 23 SETTEMBRE – UNA CITTA’ IN FESTA
Il Diario apre la settimana con ospite in studio Mons. Marcello Semeraro, Vescovo di Albano. Grazie alla sua presenza vi sarà modo di approfondire il senso della visita che il Santo Padre ha realizzato lo scorso sabato 21 settembre nella sua cittadina. Ascolteremo dalle sue parole i momenti più forti vissuti con il Papa e la comunità del posto in uno spirito di profonda fratellanza. Il 21 settembre, festa di San Matteo, è una data significativa per il Papa che riguarda la sua storia vocazionale. La sua chiamata è avvenuta nel giorno di San Matteo. Il Santo Padre nel cartiglio del suo stemma porta una frase di San Beda, che commenta la vocazione di Matteo: Miserando atque eligendo.

 
MARTEDI’ 24 SETTEMBRE – PAPA FRANCESCO A NUOVI ORIZZONTI
Oggi Papa Francesco ha visitato a sorpresa la Cittadella Cielo di Frosinone. 25 anni fa grazie alla sua fondatrice Chiara Amirante nasce la Comunità Nuovi Orizzonti. I primi passi, mossi nei meandri della Stazione Termini per salvare 27 ragazzi dai loro inferni personali. Oggi la Comunità è divenuta la casa spirituale di 700mila testimoni di luce nei cinque continenti. Nel 1994 Chiara comincia così, con la prima piccola famiglia in una villetta familiare mandata senza preavviso dalla Provvidenza, i materassi sparsi ovunque. Da quei 27 su cui nessuno avrebbe scommesso, vero popolo della notte, è poi fiorito questo popolo di “cavalieri della luce”, testimoni della risurrezione nelle stesse strade in cui prima vivevano di espedienti.
Per raccontare questa forte esperienza di vita e spiritualità, ospiti in studio: Don Giacomo Pavanello e Federica Ancona. Don Giacomo incontra Chiara nel 2006; oggi è uno dei sacerdoti nella Comunità Nuovi Orizzonti. In occasione del Giubileo Straordinario della Misericordia il Santo Padre Francesco lo ha nominato Missionario della Misericordia. Dal 1 settembre 2018 è parroco a San Giuseppe Cottolengo a Roma.
Federica, classe 1992, a 20 anni, in un momento molto doloroso della sua vita, ha avuto una conversione improvvisa e molto forte che l’ha portata a 24 anni a seguire quella spinta interiore che sentiva forte per Dio e per gli altri. Lascia casa e lavoro e si trasferisce in comunità, presso la Cittadella Cielo di Frosinone, casa madre di Nuovi Orizzonti, dove vive ancora oggi. Nell’ottobre 2018 partecipa come uditrice al Sinodo dei Vescovi sui Giovani.

GIOVEDI’ 26 SETTEMBRE – ANCHE DIO RIDE
Incontro televisivo a tutto campo con padre James Martin. Gesuita, autore di best-seller molto apprezzati negli Stati Uniti. Editor della famosa rivista America, il 12 aprile 2017 è stato nominato da papa Francesco consultore del Segretariato per le Comunicazioni.
In “Anche Dio ride” per le Edizioni San Paolo, padre Martin ci assicura che Dio vuole che noi sperimentiamo la gioia, coltiviamo il senso dell’umorismo e ridiamo delle assurdità della vita, per non parlare della nostra stessa umanità. Padre Martin invita i credenti a riscoprire l’importanza dell’umorismo e delle risate nella nostra vita quotidiana e ad abbracciare una verità essenziale: la fede conduce alla gioia.
Le persone sante sono persone gioiose, dice padre Martin, offrendo innumerevoli esempi di sano umorismo e levità intenzionale nelle storie di eroi biblici ed eroine, e nella vita dei santi e dei grandi maestri spirituali del mondo. Attingendo alla Scrittura, condividendo aneddoti della sua vita da gesuita da oltre venti anni, Martin illustra come la gioia, l’umorismo e le risate ci aiutano a vivere una vita più spirituale, a capire meglio noi stessi e gli altri e apprezzare la presenza di Dio in mezzo a noi.

VENERDI’ 27 SETTEMBRE –FRANCESCO E LA MADRE TERRA
Chiude la settimana del Diario la presenza in studio di padre Giuseppe Buffon, frate minore e professore ordinario di Storia della Chiesa presso la Pontificia Università Antonianum di Roma, nonché decano della Facoltà di Teologia e direttore del percorso professionale in Ecologia integrale dello stesso Ateneo. Interessante il suo ultimo saggio intitolato: “Perché l’Amazzonia ci salverà – Francesco, la Madre Terra e il futuro dell’Occidente”, per le Edizioni di Terra Santa. L’enciclica Laudato si’, con la sua portata rivoluzionaria, ha conquistato il mondo diventando il più alto grido d’allarme mai lanciato sulle ferite del pianeta. Con la convocazione di un Sinodo speciale sull’Amazzonia, papa Francesco – ispirato dall’immenso orizzonte del santo di cui ha scelto il nome – riporta con vigore all’attenzione della comunità internazionale l’urgenza di una “conversione ecologica” globale. L’Amazzonia ci salverà con la fraternità e la spiritualità delle sue genti. Ci salverà con la deferenza dei suoi popoli verso la Madre Terra.