Gli “auguri scomodi” di don Tonino Bello letti da Glauco Mauri, Gabriele Lavia e Pippo Delbono