Festival Corpus Hominis e i momenti più belli della stagione di Retroscena

Last but not least! (come dicono gli inglesi) o Dulcis in fundo! (come dicevano i latini)… L’ultima puntata della stagione 2015-16 di Retroscena chiude nel segno dei reportages che Michele Sciancalepore sta già preparando per voi in previsione della prossima annata in cui non mancheranno sorprese, divertimenti e spiazzamenti.

Come nel caso del “Festival della comunità di corpus Hominis”, tenutosi a Brescia in questi giorni e di cui vedremo una piccola anticipazione: una full immersion in eventi teatrali che dialogano con il corpo della città declinando sul piano artistico le sette opere di misericordia spirituale.

A seguire un’accorata difesa dei diritti di chi fugge da guerre e persecuzioni scritta più di 400 anni fa ma più che mai attuale. Grazie alle interpretazioni di Barbara De Rossi, Patrizia Zappa Mulas, Laura Piazza e delle detenute-attrici del carcere di Rebibbia ascolteremo alcuni passi del “Sir Thomas More”, testo mai rappresentato di William Shakespeare scoperto in questi mesi dalla British Library di Londra che conferma ancora  una volta l’immortalità profetica dell’opera del ‘divin bardo’. Parole che sembrano scritte oggi per i migranti che ogni giorno rischiano le loro vite per raggiungere l’Europa.

Continueremo poi a sognare con le animazioni sulla sabbia della giovanissima Gabriella Compagnone, la più famosa e talentuosa “sand artist” d’Italia e d’Europa che quest’anno, in esclusiva, per tutta la stagione ha creato appositamente per Retroscena immagini uniche e meravigliose e pertanto stavolta ci svelerà tutti i segreti delle sue poetiche creazioni.

Da questa arte “volatile” e immaginifica senza tempo a una prospettiva “a volo d’uccello” sulle migliori immagini e parole della stagione appena trascorsa. Delle “Gocce di memoria” distillate e selezionate per voi che vi proporranno un viaggio tra i posti più belli, i ricordi più emozionanti, intensi e significativi della stagione teatrale appena conclusa attraverso un collage di tutti i personaggi/amici di “Retroscena” che ci hanno regalato magnifici momenti. Un gran finale da vivere tutto d’un fiato.