Dulcis in fundo: Alessandria, su il cappello!