Dulcis in fundo: Il Cyrano di Guccini