Dulcis in fundo: Il sorriso del Titanic