Dulcis in fundo: La forza di Anna Magnani