Moni Ovadia protagonista di Retroscena di martedì 31 gennaio in seconda serata su Tv2000

Moni Ovadia protagonista della 15ma puntata di Retroscena. L’inesauribile cantore yiddish questa settimana ci regalerà svelamenti, pillole di saggezza e aneddoti sorprendenti insieme anche ad uno dei gruppi teatrali di ricerca più sperimentali del panorama italiano: ‘Il Teatro del Lemming’. Come si addice a un gigante non solo del teatro ma del pensiero, l’intervista di Michele Sciancalepore a Moni Ovadia regalerà suggestioni e riflessioni che andranno oltre lo spettacolo ‘Delfi Cantata’ – inno alla bellezza che è sempre attorno ai nostri occhi ma che spesso non vediamo – e si spingeranno fino ai campi della spiritualità per interrogare il tema della shoah e il senso del perdono persino davanti al proprio carnefice. Una conversazione che muoverà le mosse dalle figure di padre David Maria Turoldo – frate dell’antico ordine religioso di Santa Maria e poeta, voce potente e ispirata della chiesa – e di Yannis Ritsos, uno dei cantori greci più importanti dell’ultimo secolo, autore proprio del poema ‘Delfi Cantata’. A seguire un’incursione nel teatro di ricerca d’autore insieme al ‘Teatro del Lemming’ e al loro ultimo lavoro: Ws Tempest, spettacolo liberamente ispirato a ‘La Tempesta’ di William Shakespeare che propone una riflessione sul conflitto, eternamente attuale, fra individuo e potere. A cosa serve il teatro oggi? È un semplice spazio di intrattenimento o uno strumento efficace di riflessione e comprensione? E ancora, in quali forme declinarlo? Tutte domande alle quali cercheremo di dare una risposta insieme a Massimo Munaro, drammaturgo e regista del ‘Teatro del Lemming’, nel corso dell’intervista. In chiusura la consueta esclusiva creazione della sand artist Gabriella Compagnone, e l’ormai immancabile appuntamento con la rubrica “CheTeatroFa”: una mappa degli eventi e delle “temperature” teatrali più significative della nostra penisola in stile meteo.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0