Fisco, Baretta: “Togliamo tassa a tutti proprietari prima casa”

Sottosegretario all’Economia: “Comuni stiano tranquilli. Ue ci lasci decidere dove tagliare tasse”.

Pier Paolo Baretta sottosegretario EconomiaRoma, 1 ottobre 2015 – “Abbiamo deciso di togliere la tassa a tutti proprietari di prima casa”. Lo ha detto il sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta, in un’intervista al Tg2000, il telegiornale di Tv2000.

“A tutti coloro che posseggono una prima casa – ha ribadito Baretta – verrà tolta la tassa, senza differenze sulla grandezza dell’abitazione. Le tasse sono pesanti per tutti, indipendentemente dal numero dei metri quadri e dei vani”.
Il sottosegretario smentisce che la tassa sulla prima casa eliminata dal governo possa rispuntare in altre forme come la ‘Local tax’: “Non c’è questo rischio. Infatti la tassa sulla casa è netta: i cittadini la conoscono bene, sanno quanto pesa sul loro bilancio. Non c’è il rischio di commistioni”. Il governo “non è che con una mano toglie e con l’altra mette”.
“Ai comuni – ha aggiunto Baretta – assicuriamo il recupero integrale dell’intera somma che loro perdono ed è per questo che abbiamo un problema di copertura che stiamo risolvendo con la legge di stabilità. I comuni possono stare tranquilli, riceveranno in pieno i soldi che non avranno dai cittadini con la tassa sulla prima casa”.
Baretta respinge anche un problema europeo con l’eliminazione di questa tassa:
“La polemica con l’Europa avrebbe qualche senso se noi dicessimo che stiamo aumentando le tasse e l’Europa dicesse che le sta riducendo, siccome stiamo dicendo entrambi che bisogna ridurre le tasse, e lo stiamo facendo, francamente lascino decidere a noi dove ridurre le tasse. Quello che conta è che i cittadini abbiano un reddito più pesante con minori tasse”.