Trivelle, Emiliano: “Astensione Pd ? refuso burocratico o cambiamo Statuto partito”.

Governatore della Puglia: “Tecnica del ‘detto non detto’ ha inficiato credibilità Pd”

Michele Emiliano Pd governatore PugliaRoma, 17 marzo 2016 – “Non mi risulta che il Partito Democratico abbia assunto nell’assemblea, che si è svolta pochi giorni fa, alcuna decisione su questo punto così importante e nevralgico per la politica energetica del Paese. Credo che si tratti di un refuso burocratico ma se non fosse così deve essere cambiato lo Statuto del Partito Democratico”. Lo ha detto il governatore della Puglia, Michele Emiliano, in un’intervista al Tg2000, il telegiornale di Tv2000, commentando la presunta astensione del Partito Democratico al Referendum di aprile sulle trivellazioni in mare per la ricerca e l’estrazione di idrocarburi.

“Ci deve essere un meccanismo – ha aggiunto Emiliano – nel quale la linea politica del partito viene stabilita da organismi che io non conosco e questo non può essere. Quindi lo escludo nella maniera più assoluta”.
Sul Referendum, ha concluso Emiliano, “una posizione del Partito è necessaria ma da quello che mi risulta non è stata ancora adottata. Non vorrei che anche su questo si adottasse la tecnica del ‘detto non detto’ che ha in qualche maniera inficiato la credibilità del Pd su tutta la vicenda del Referendum”.

 

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0