“Comunicare la misericordia”. I dialoghi con mons. Dario Edoardo Viganò.

Al termine dell’Anno Santo, Tv2000 propone “Comunicare la Misericordia” un ciclo di conversazioni con Mons. Dario Edoardo Viganò, Prefetto della Segreteria per la Comunicazione della Santa Sede.

La parola “Misericordia”, argomento cardine del Giubileo, è rimasta uno slogan o ha cambiato l’approccio della Chiesa nell’incontro e nella predicazione? Come tenere insieme la fedeltà al Vangelo, alla dottrina, alla tradizione, andando incontro all’ uomo contemporaneo? Mons. Viganò risponde a queste e ad altre domande in un dialogo con Monica Mondo.

La prima puntata, Un volto nuovo, è ambientata nella sede del Museo storico di Radio Vaticana, uno scrigno di curiosità e memorie storiche, dal “microfono di Dio”, da cui Papa Pio XI diede inizio alle trasmissioni radiofoniche, al televisore monumentale di Giovani XXIII, al  mixer che permise di diffondere le parole del Concilio Vaticano II. Quali codici linguistici bisogna usare oggi? Come mantenere lo slancio adeguando la comunicazione ai nuovi tempi e strumenti? E che apporto può dare la voce femminile alla comunicazione nella Chiesa?

Nella seconda puntata si parla di Carità e missione, l’oggetto della comunicazione della Chiesa, all’interno dei Giardini Vaticani, luogo che custodisce piante e fiori provenienti da cento Paesi. L’opera di evangelizzazione e promozione attraverso l’educazione dei missionari è un patrimonio comunicativo da valorizzare, e di alto livello informativo: come non disperderlo? Come far sì che la Chiesa riesca a raggiungere gli ultimi della terra raccogliendo le loro voci?

Santi e peccatori è il titolo della terza puntata. Dalla Sala delle dame lo sguardo è rivolto “all’abbraccio” del colonnato del Bernini, cuore della Chiesa raccontata rispetto alle contraddizioni, agli scandali, agli errori e alle mancanze che ne hanno segnato la storia. Cosa significa che la Chiesa è Santa e peccatrice allo stesso tempo? Quale è il rapporto tra misericordia e giustizia?

La riflessione proposta nella quarta puntata, Dio cerca l’uomo, esplora l’imponente potenza narrativa e comunicativa della Chiesa che racconta senza preconcetti la carità, la speranza, la fede. Papa Francesco l’ha incarnata in modo nuovo, dai viaggi apostolici alle omelie di Santa Marta. In che modo la Chiesa sta dietro al Papa?