Moni Ovadia si racconta a SOUL

Moni Ovadia, attore, drammaturgo, cantore e cantante, filosofo e teologo sui generis si racconta provocatoriamente a SOUL. Si definisce “Un uomo di teatro con una grande passione civile. Che si è dedicato a cantare l’esilio, “ l’unica condizione di splendore dell’essere umano. L’esilio è la condizione esistenziale in cui l’uomo incontra il suo simile al di là dell’appartenenza nazionale, del passaporto, dei confini e tanto meno della retorica di Patria.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0