PAPA FRANCESCO A CORVIALE
In visita alla Parrocchia di San Paolo della Croce 16/04/2018

All’indomani della visita del Papa alla parrocchia romana di San Paolo della Croce, insieme a Nicola Ferrante, abbiamo incontrato la comunità che ieri ha accolto il Papa, guidata dal parroco Don Roberto Cassano. A commento della giornata di festa, tanti sono i racconti e le testimonianze come quelli di Sr. Maria Rita Rolino, Missionaria Immacolata Regina Pacis e catechista di David, il ragazzo che ha ricevuto ieri la prima comunione;  ed Elisabetta Paciotti, mamma di Emanuele, il bambino che ha destato particolare interesse per aver posto una domanda personale al Papa.

Questa mattina nella Messa a Santa Marta, Papa Francesco pone due domande per purificare la fede da qualsiasi forma di convenienza.

https://www.youtube.com/embed/4ACfrax8lVA” width=”300″ height=”200″ frameborder=”0″ allowfullscreen=”allowfullscreen

IN EVIDENZA

Il progetto di Dio su di noi Nell’abbraccio del Papa quello di papà

 

VISITA PASTORALE ALLA PARROCCHIA ROMANA DI “SAN PAOLO DELLA CROCE” A CORVIALE

Papà è in cielo? Dio ha un cuore di padre.

Emanuele:


Non ce la faccio!…

Papa Francesco:


Vieni, vieni da me Emanuele! Vieni da me e dimmela all’orecchio. Dimmela all’orecchio. Vieni, vieni, vieni da me.

[Emanuele va da Papa Francesco e gli dice all’orecchio la sua domanda]

Papa Francesco:


Magari tutti noi, potessimo piangere come Emanuele quando avremo un dolore come lo ha lui nel cuore. Lui piangeva per il papà e ha avuto il coraggio di farlo davanti a noi, perché nel suo cuore c’è amore per il papà. Io ho chiesto il permesso ad Emanuele di dire in pubblico la domanda e lui mi ha detto di sì. Per questo la dirò: “Poco tempo fa è venuto a mancare il mio papà. Lui era ateo, ma ha fatto battezzare tutti e quattro i figli. Era un uomo bravo. È in Cielo papà?” Che bello che un figlio dica del suo papà: “Era bravo”. Bella testimonianza di quell’uomo che ha dato ai suoi figli, perché i suoi figli potranno dire: “Era un uomo bravo”. È una bella testimonianza del figlio che ha ereditato la forza del papà e, anche, ha avuto il coraggio di piangere davanti a tutti noi. Se quell’uomo è stato capace di fare figli così, è vero, era un uomo bravo. Era un uomo bravo. Quell’uomo non aveva il dono della fede, non era credente, ma ha fatto battezzare i figli. Aveva il cuore buono. E lui ha il dubbio che il papà, per non essere stato credente, non sia in Cielo. Chi dice chi va in Cielo è Dio. Ma come è il cuore di Dio davanti ad un Papà così? Come è? Come sembra a voi?… Un cuore di papà! Dio ha un cuore di papà. E davanti ad un papà, non credente, che è stato capace di battezzare i figli e di dare loro quella bravura ai figli, voi pensate che Dio sarebbe capace di lasciarlo lontano da sé? Pensate questo?… Forte, con coraggio…

Tutti:
No!

 

Papa Francesco:


Dio abbandona i suoi figli?

Tutti:
No!

Papa Francesco:


Dio abbandona i suoi figli quando sono bravi?

Tutti:
No!

Papa Francesco:

Ecco, Emanuele, questa è la risposta. Dio sicuramente era fiero di tuo papà, perché è più facile essendo credente, battezzare i figli, che battezzarli essendo non credente. Sicuramente questo a Dio è piaciuto tanto. Parla con tuo papà, prega tuo papà. Grazie Emanuele per il tuo coraggio.

 

 

SANTA MARTA

Per fede non per interesse

Papa: Seguiva Gesù senza bilanciare le conseguenze: questo mi conviene, non mi conviene … non era un interessato. Amava. E seguiva Gesù, sicuro; e così finì. Gli hanno teso il tranello delle calunnie, lo hanno fatto entrare lì e così finì lapidato. Ma dando testimonianza di Gesù…

 E troveremo tante cose grandi che Gesù ci ha dato gratuitamente, perché ci ama: a ognuno di noi. E una volta che io vedo le cose che Gesù ha fatto per me, mi faccio la seconda domanda: e io, cosa devo fare per Gesù? E così, con queste due domande, forse riusciremo a purificarci di ogni maniera di fede interessata. Quando vedo tutto quello che Gesù mi ha dato, la generosità del cuore va a: “Sì, Signore, do tutto! E non farò più questi sbagli, questi peccati, cambierà di vita in questo …”. La strada della conversione per amore: tu mi hai dato tanto amore, anche io ti do questo amore…

Questo è un bel test di come noi seguiamo Gesù: interessati o no? Rinfrescare la memoria: le due domande. Cosa ha fatto Gesù per me, nella mia vita, per amore? E vedendo questo, cosa devo fare io, per Gesù, come rispondo a questo amore. E così saremo capaci di purificare la nostra fede da ogni interesse. Che il Signore ci aiuti su questa strada.

 

NEL WEEKEND

14.04.2018

Incontro con la delegazione della “Villanova University, Philadelphia” (USA)

Lettera del Santo Padre, a firma del Segretario di Stato, in occasione della 94a Giornata Nazionale per l’Università Cattolica del Sacro Cuore

 

15.04.2018

Regina Coeli

Lettera del Santo Padre, a firma del Segretario di Stato, in occasione della 94a Giornata Nazionale per l’Università Cattolica del Sacro Cuore

 

La fotogallery della puntata