Viaggio ad Abu Dhabi
Secondo giorno

5 febbraio 2019

Nella seconda e ultima giornata di Visita Apostolica ad Abu Dhabi, papa Francesco celebra la Santa Messa nello Zayed Sports City, lo stadio polifunzionale più grande degli Emirati Arabi Uniti che per l’occasione è gremito da 120mila fedeli. E’ la prima volta che viene celebrata una Messa pubblica in un paese del Golfo Arabico.
Nell’Omelia il Papa si rivolge alla comunità cattolica locale ed in particolare ai tanti lavoratori immigrati che vivono lontani da casa e, riflettendo sulle Beatitudini, spiega il significato della santità del vivere quotidiano che “non richiede gesti eclatanti” ma tiene “pulito il cuore a praticare la mitezza e la giustizia nonostante tutto, a essere misericordiosi con tutti”.

Al termine della Messa il Papa si congeda dai fedeli per raggiungere l’Aeroporto Presidenziale dove conclude la visita ad Abu Dhabi per fare ritorno in Vaticano.
Gennaro Ferrara conduce l’approfondimento in studio con il commento di Luis Badilla, direttore de “Il Sismografo”; Luigi Accattoli, vaticanista e scrittore; Grace Relucio Princesa, Ambasciatore delle Filippine presso la Santa Sede e Shahrzad Houshmand, teologa islamica.

Gennaro Ferrara in dialogo con Paolo Branca, islamologo dell’Università Cattolica di Milano, ripercorre i momenti più significativi del Viaggio Apostolico negli Emirati Arabi Uniti che si è appena concluso a partire dal documento sulla Fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune firmato ad Abu Dhabi da papa Francesco e dal grande Imam di Al-Azhar Ahmad Al-Tayyeb.

IN EVIDENZA

“La via del dialogo”
L’analisi di Cristiana Caricato sulla dichiarazione congiunta sulla fratellanza umana

 

Paolo Branca: “La forza di questo pontificato”

 

La sintesi di Paolo Branca