Il diario di Papa Francesco: Sinodo, Don Gino Rigoldi, Don Gnocchi, Ognissanti

28 ottobre - 1 novembre

LUNEDI’ 28 OTTOBRE – AMAZZONIA: IL SINODO SI’ E’ CHIUSO, SI APRE LA SPERANZA

Il Diario apre la settimana con un focus sull’Assemblea Speciale del Sinodo dei Vescovi per la Regione Panamazzonica aperto in Vaticano da Papa Francesco lo scorso 6 Ottobre e conclusosi Domenica 27 Ottobre con la Santa Messa celebrata dal Santo Padre nella Basilica Vaticana. Ospiti in studio: Rev.do padre Giacomo Costa, gesuita, Direttore della Rivista Aggiornamenti Sociali, Presidente della Fondazione Culturale San Fedele, Vicepresidente della Fondazione Carlo Maria Martini e segretario della Commissione per l’Informazione del Sinodo e il Rev.do padre Roberto Carrasco, Missionario degli Oblati di Maria Immacolata, padre sinodale e religioso peruviano con una lunga esperienza di missione in Amazzonia.

MARTEDI’ 29 OTTOBRE – DON GINO RIGOLDI RACCONTA I SUOI 80 ANNI
Per parlare di servizio e missione il Diario fa festa con Don Gino Rigoldi, che proprio il 30 ottobre compie 80 anni. Cappellano dell’istituto penale per minorenni Cesare Beccaria di Milano, fondatore nel 1973 dell’associazione Comunità Nuova, Don Gino promuove da sempre le risorse dei giovani più emarginati. A 13 anni, ha cominciato a lavorare come operaio in una piccola azienda di apparecchiature elettriche, dove in seguito è diventato impiegato.
A 18 anni è entrato nel seminario di Venegono. Ordinato prete nel 1967, fino al 1971 ha svolto il suo ministero presso il Collegio Arcivescovile De Filippi di Varese. Successivamente è stato trasferito come coadiutore in una parrocchia di San Donato Milanese.
Nel 1972 ha chiesto e ottenuto di diventare Cappellano dell’Istituto penale per minorenni Cesare Beccaria, incarico che tuttora esercita. Inaugura le prime tre comunità alloggio: case nelle quali i ragazzi vivevano con don Gino e con gli educatori, frequentando la scuola e le attività di sport e tempo libero presenti nei quartieri. Nel 2014 ha ricevuto la laurea Honoris causa dall’Università degli Studi di Milano in “Comunicazione pubblica e d’impresa”.
Importante anche la sua azione missionaria in Romania dove nel 1998 ha fondato l’associazione BIR (Bambini In Romania), nata quest’ultima proprio in seguito a un viaggio di Don Gino in Romania, dove si rese conto delle condizioni in cui vivevano i minori negli orfanatrofi. Nel 2015 nasce la Fondazione Don Gino Rigoldi.
Ancora oggi tutta la vita di Don Gino è indirizzata a promuovere la crescita personale e sociale dei minori e dei giovani che si trovino in stato o a rischio di emarginazione e per la formazione del volontariato giovanile impegnato in Italia e in Romania negli orfanatrofi, nelle comunità e negli istituti di detenzione.
Con Don Gino in studio vi sarà anche Kristjan Sefgjini, giovane albanese di 22 anni, arrivato minorenne in Italia da solo con gli autobus. Senza alcun appoggio, un breve periodo in strada, poi per un reato è andato al Beccaria.. .da lì l’incontro con Don Rigoldi.

MERCOLEDI’ 30 OTTOBRE – UDIENZA GENERALE
Per riascoltare ed approfondire la Catechesi dall’Udienza Generale del mercoledì e analizzare i passaggi più salienti che il Santo Padre pronuncerà in Piazza San Pietro, incontro in studio con padre Alberto Maggi, teologo, biblista e religioso dell’Ordine dei Servi di Maria.
Dal 1995 dirige il Centro studi biblici Giovanni Vannucci a Montefano (MC), dove si dedica alla divulgazione, a livello popolare, della ricerca scientifica nel settore biblico attraverso scritti, trasmissioni radiofoniche e televisive e conferenze in Italia e all’estero. Ha studiato nelle Pontificie Facoltà Teologiche Marianum e Gregoriana (Roma) e all’ École Biblique et Archéologique française di Gerusalemme. Collabora con la rivista Rocca e ha curato per la Radio Vaticana la trasmissione “La Buona Notizia è per tutti!” . Attualmente sta lavorando alla traduzione e commento del Vangelo di Giovanni e, insieme a Ricardo Pérez, a quello di Matteo. Per le Edizioni Garzanti nel 2013 con la pubblicazione di “Chi non muore si rivede” racconta la sua esperienza di malattia; nel 2017 affronta il difficile argomento della morte con “L’ultima beatitudine” cercando di darne una dimensione naturale del percorso della vita. Nel 2019 con “Due in condotta” narra la sua vita a partire da quando era bambino nel periodo successivo la guerra.

GIOVEDI’ 31 OTTOBRE – DON GNOCCHI UNA VITA SPESA PER GLI ULTIMI
Il Diario giovedì 31Ottobre ospita la Famiglia Don Gnocchi, in occasione del decimo anniversario della beatificazione di Don Carlo, “padre dei mutilatini”, avvenuta il 25 Ottobre 2009. Il 31 ottobre mattina Papa Francesco incontra nell’Aula Paolo VI la Fondazione Don Gnocchi. Una consistente rappresentanza proveniente dai Centri “ Don Gnocchi” attivi in tutta Italia si raccoglierà attorno al Santo Padre. Quasi seimila pellegrini tra dirigenti, responsabili, medici, operatori, volontari, pazienti, familiari e amici, diverranno una sorta di carovana della speranza per affidare a papa Bergoglio gioie e fatiche e per continuare con rinnovato entusiasmo l’impegno quotidiano accanto al servizio e in difesa della vita.

VENERDI’ 1 NOVEMBRE – OGNISSANTI, LA FESTA CHE UNISCE CIELO E TERRA

Venerdì 1 Novembre nella ricorrenza della Solennità di Tutti Santi il Diario racconta la storia del nuovo Beato Alfredo Cremonesi, cuore di missionario nato a Crema e salito agli onori degli altari lo scorso sabato 19 ottobre. “Noi missionari non siamo davvero nulla. Il nostro è il più misterioso e meraviglioso lavoro. Vedere anime che si convertono: un miracolo più grande di ogni miracolo”. Scriveva così, nel suo diario, il giovane sacerdote del Pime padre Alfredo, che da lì a poco concretizzerà la sua vocazione di partire missionario nel 1925, con una vitalità e un entusiasmo che non perderà mai, in nessuno dei giorni che comporranno i 28 anni passati in quella terra lontana, la Birmania, prima di esservi ucciso in odio alla fede, il 7 febbraio 1953.