TG2000 Il Post

Pesci d’agricoltura, utilizzo scarti di allevamento ittico

Il lavoro di giovani biotecnologi che hanno realizzato un impianto in serra per l’utilizzo di scarti prodotti da pesci in allevamento. In questo modo, tramite un circuito integrato, si risparmia il 90% d’acqua e la verdura prodotta è totalmente biologica. Il servizio di Sergio Canelles.

Ambiente, studenti in piazza in tutto il mondo su clima e inquinamento

Domani gli studenti di tutto il mondo scendono in piazza per alzare l’attenzione sui cambiamenti climatici e sull’inquinamento ambientale. L’idea del venerdì per il futuro, così come è stata ribattezzata l’iniziativa, è nata in seguito alla protesta iniziata dalla sedicenne svedese Greta Thunberg, diventata simbolo del movimento ambientalista studentesco. Caterina Dall’Olio ha intervistato gli organizzatori […]

Siria, otto anni di guerra. La rinascita di Ghouta e le proteste a Deraa

TgPost. In queste ore ricorre l’ottavo anniversario dell’inizio della guerra in Siria. Una guerra che ha ridotto milioni di persone allo stremo. Oggi l’85% della popolazione non ha accesso alle fonti di acqua pulita e ai servizi igienico-sanitari. Nel TgPost Massimiliano Cochi racconta le storie di donne e uomini di Ghouta, la zona attorno a […]

Via della seta cinese e ripercussioni. L’analisi di Alberto Negri

TgPost. I nuovi accordi commerciali tra Italia e Cina e le conseguenze anche politiche con l’Europa e gli Stati Uniti, sul significato di questo forte ingresso degli interessi cinesi in Europa e di quanto Pechino ha chiesto in termini di infrastrutture nei Paesi attraversati dalla nuova ‘Via della seta’. Lo spiega l’analista Alberto Negri nel […]

Migranti, naufraghi senza volto. Parla il medico Cristina Cattaneo

TgPost. Non solo il ragazzo con la pagella cucita negli abiti. Sotto l’esame di Cristina Cattaneo sono finiti tanti corpi senza nome, tutte vittime delle traversate della speranza nel mediterraneo. Il medico legale racconta ad Alessandra Camarca la sua battaglia per restituire identita’ ai migranti che non ce l’hanno fatta.