29 dicembre 1935: de Saint-Exupery e l’incidente di Libia

Un incidente aereo che incise profondamente nella vita privata e nel modo di pensare di un esperto aviatore e scrittore come Antoine de Saint-Exupery. Il suo fu volo interrotto nel corso della trasvolata Parigi-Saigon del 1935 e non rimase solo un episodio che riempì presto le cronache dei giornali del tempo, ma ispirò articoli, capitoli e paragrafi di alcuni suoi libri contribuendo a far comprendere ancora di più la storia e il messaggio che ruotano attorno al libro più letto del Novecento dopo la Bibbia: Il Piccolo Principe. Il 31 dicembre 1935 il Corriere della Sera dà notizia della scomparsa tra Bengasi ed Alessandria.

Il 3 gennaio del 1936 sarà L’Express a pagina 5 a fare un primo resoconto della brutta avventura di de Saint-Exupery e Prevot. “Infine dopo tre giorni d’angoscia arriva una notizia che porterà enorme sollievo a tutti gli amici dell’aviazione e a tutti coloro che hanno apprezzato la lettura di “volo notturno”.. L’aviatore De Saint Exupery e il suo meccanico Prevot sono stati ritrovati a 150 chilometri ad est del Cairo dopo tre giorni nel deserto” (L’Express del 3 gennaio 1936)

Vincenzo Grienti

Per saperne di più sull’incidente di Libia