Novena 2.0, 22 dicembre 2020

Un cunto per ricordare la strage degli innocenti. Erode, sentendosi minacciato dalla nascita del re dei RE, decide di fare uccidere tutti i bambini appena nati e quelli sotto i due anni di età. La pagina del vangelo che ci racconta questa efferata strage e la fuga in Egitto della sacra famiglia, viene qui descritta dal Cuntastorie in un modo del tutto inedito. La storia evangelica narra che Erode non tro-verà mai Gesù, ma in questo cunto il poeta ha voluto immaginare invece che un soldato di Erode lo trova e nel momento in cui sta per affondare la lama nella sua carne viene disarmato dalla dolcezza del neonato. I suoi occhi lo implorano di non ucciderlo perché uccidendo lui, avrebbe ucciso tutta l’umanità. Se per ogni colpo di spada e per ogni bambino ucciso, si fosse piantato un fiore… il mon-do sarebbe tutto un giardino. Per tutti gli innocenti di ieri e di oggi. I bambini non si toccano, mai. Il settimo giorno la novena si conclude con uno dei canti più suggestivi del natale: “quanno nascente ninno”, la prima versione di “tu scendi dalla stelle” in dialetto napoletano raccolta da Sant’Alfonso Maria de Liguori in una chiesa di campagna del basso cilento. La strage degli innocenti Spuntau la stidda luminusa e bedda Chiara comu la luci d’o mattina A li tri re vinuti di luntanu idda di ‘ncelu nzigna lu camminu e li porta unni nasciu lu redenturi intra ‘na rutta, nudu, a li fridduri. Erodi ranni re di li giudei ci addumannò: “unni iti chini di premura?” iddi ci arrispunneru rispittusi: “ad adurari lu Diu di tutti cosi, rignanti di lu munnu agginucchiuni, ppi adurari lu Re di li nazioni”. Erodi comu lu ‘ntisi tramurtiu, “Iu sugnu lu re” gridau cchiù forti e nta un minutu ‘u celu si scuriu e si fici tutta ‘na vota mezzanotti. Persi la paci e gridau a gran vuci Ca fussiru ammazzati senza pietà Tutti li picciriddi appena nati E chiddu sutta i due anni di età. “soldato brandisci la spada, fruga tra le ceste, cerca nel ventre delle madri, che la tua spada si lordi di sangue”. E lu surdatu pigghia lu cuteddu e cci lu chianta nta li rini Ci scippa l’aricchi, la facci e li mani. Spinci e affunna lu cuteddu, spinci e affunna la lama ‘nta la carni Ci scippa i capiddi, ci taglia la gola e nun si ferma dda manu caìna Ci arrobba lu chiantu, lu cantu e la parola, e nun lu ferma la vuci di li patri, nun lu ferma lu lamentu di li matri nun lu ferma lu straziu di l’innocenti ca ppi unu sulu hann’a patìri in tanti. E quannu ‘u sangu ‘mbriacava l’aria E a luna ncelu parìa di vinu russu, vitti l’ultimu picciriddu e comu un pazzu isau lu frazzu all’aria e …. e… ci cadiu lu cuteddu di li manu taliannu l’occhi innocenti di lu bamminu lu disarmau ddu fari tantu stranu can enti avia di umanu, ma era divinu ci dissi ccu dd’ucchiuzzi un m’ammazzari, si ammazzi a mia ammazzi li to figghi e li figghi di li figghi di li to figghi. ci dissi ccu dd’ucchiuzzi un m’ammazzari, si ammazzi a mia ammazzi tuttu ‘u munnu e ti afai terra amara ‘nta un secunnu. ci dissi ccu dd’ucchiuzzi un m’ammazzari, ca su ppi ogni corpu di spata ca ha ammazzatu ogni ‘nnuccenti senza mai piccatu avissi statu un ciuri culuratu, tuttu lu munnu fussi nu iardinu e fussivu propriu tu lu jardinaru. E mentri lu cuteddu ci cadìa, du lacrimi ci vagnavanu la facci poi talìau lu Cristu ccu Maria e si nni iu a jttari ciuri ppi la via. Novena 2.0 è un progetto del Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla con Mario Incudine e Antonio Vasta, con il patrocinio dell’Assessorato regionale Turismo e Spettacolo della Regione Siciliana. Media partner Tv2000