Michele Sciancalepore

Ascanio in visita al “Museo Pasolini”

  Narni «Ma a questo punto non succede niente qui?», chiede il tecnico dal fondo della platea del Teatro Manini di Narni. «Veramente non succede niente per due ore», ribatte sorridendo Ascanio Celestini dal palco, seduto sulla sua solita seggiolina di legno pieghevole, sotto le lampade domestiche, all’interno della consueta scena minimalista praticamente in linea […]

Don Sturzo, ode contro “La Mafia”

«La mafia stringe nei suoi tentacoli giustizia, polizia, amministrazione, politica; oggi serve per domani esser servita, protegge per essere protetta, ha i piedi in Sicilia ma afferra anche Roma, penetra nei gabinetti ministeriali, nei corridoi di Montecitorio, viola segreti, sottrae documenti, costringe uomini creduti fior di onestà ad atti disonoranti e violenti Sin che vi […]

Se il teatro è una casa la “Zona rossa” è al Bellini

Si fa presto a dire «riapriamo i teatri, il teatro è la nostra casa, non possiamo farne a meno» e altre amenità del genere che sanno tutte di verità ma che ormai sanno anche di mantra sempre più diafani e retorici perché al verbo non ne consegue alcuna azione. Provate invece a rinchiudervi in teatro, […]

Ovadia: «Ricordare serve al futuro»

«La memoria serve per il presente e il futuro. Riflettete: se vi cancellassero la memoria e vi domandassero chi siete non sareste in grado di rispondere. La memoria è un progetto per edificare la società che vogliamo, altrimenti dobbiamo subire la società che altri vogliono per noi. Chi è padrone della storia o della memoria […]

L’attualità delle Baccanti che “non possono ballare”

  «Quelli che ballavano erano visti come pazzi da quelli che non sentivano la musica». Questa frase attribuita al filosofo tedesco Friedrich Nietzsche viene riportata sulla prima pagina del copione in guisa di sottotitolo a Le Baccanti di Euripide tradotto e adattato da Laura Sicignano e Alessandra Vannucci e messo in scena sulle tavole del […]

Se il teatro comunica chi «non sa comunicare»

Se fosse un elemento della natura sarebbe un albero, «sempre pronto a far nascere, sviluppare e maturare le proprie foglie, i fiori e i frutti. Altrettanto pronto a lasciarli andare quando giunge il momento». A sposare questo edificante paragone è Cecilia Moreschi, venticinque anni di studio e lavoro sul campo per raggiungere un obiettivo nobile […]

Gifuni, squarcio i silenzi su Moro

Alcuni fogli sparsi per terra formano un perimetro, un tavolino e una sedia sono un po’ decentrati, un microfono campeggia in mezzo alla scena leggermente rialzata, un fondale anonimo rifletterà cromaticamente le diverse pulsioni ed emozioni che si succederanno. In questo palco spoglio entra Fabrizio Gifuni, conquista il proscenio e con un prologo di una […]

La Passeggiata di Timi e Mascino

«Azione!», ad alta voce il regista invita a riprendere la scena. Non siamo però in un set cinematografico, ma a teatro. Si tratta di una deformazione professionale del regista in questione, Giuseppe Piccioni, da sempre avvezzo a catturare i moti dell’animo sulla pellicola ma neofita del palcoscenico. In realtà il comando, consueto fra le macchine […]

Popolizio, servono “Pulitori” in scena

È stato prima isolato nel suo monolocale al centro di Roma, poi si è rifugiato nella campagna umbra ma non ha mai smesso di elaborare pensieri, partecipare a dirette streaming e realizzare lavori pensati ad hoc per gli internauti. Ma Massimo Popolizio in questi mesi di forzata astinenza teatrale non è stata una falena frenetica […]

La “Vlora” approda in teatro

Bari – Sono trascorsi 29 anni e sei mesi eppure Eva Karafili ricorda ogni dettaglio di quella traversata notturna dell’Adriatico: il cielo stellato, la luna, il silenzio irreale di un viaggio quasi onirico. Il mare no, non lo ricorda, perché intorno a lei solo gente, tanta, migliaia di persone; e poi all’improvviso alle prime luci […]